Il Regolamento Generale integra le norme statutarie dell'Associazione Italiana di Psicologia (AIP) e ne regola l'applicazione. Ogni Sezione si dota di un proprio Regolamento per disciplinare le procedure specifiche e gli aspetti di funzionamento che non possono essere condivisi.

In questo testo il genere maschile è usato per facilitare la lettura e la comprensione senza alcun intento discriminatorio.  


1. Tipologia Soci
2. Adesione alle Sezioni
3. Quota associativa e diritto di voto
4. Consiglio Direttivo
5. Presidente e Vicepresidenti
6. Segretario 
7. Comitato Esecutivo delle Sezioni
8. Coordinatori di Sezione
9. Attività delle Sezioni
10. Costituzione di nuove Sezioni
11. Sito web AIP
12. Comunicazione e diffusione delle informazioni all'interno dell'associazione
13. Comunicazione e diffusione delle informazioni verso l'esterno
14. Gestione amministrativa
15. Collegio dei Revisori dei Conti
16. Commissione Etica e Codice Etico 
17. Convocazione dell'Assemblea Ordinaria Generale
18. Assemblea delle Sezioni
19. Concessione patrocini e contributi
20. Partecipazione a organismi/network/associazioni nazionali e internazionali
21. Procedura per l'iscrizione all'AIP
22. Decadenza dalla qualifica di Socio
23. Elezione alle Cariche Sociali: procedure elettorali
24. Elezione dei Comitati Esecutivi delle Sezioni
25. Dimissioni dagli Organi societari
26. Incompatibilità fra cariche elettive
27. Rimborso spese missioni
28. Festività religiose


1. Tipologia Soci

1.1 I requisiti necessari per l'Ammissione dei soci Ordinari sono esplicitati all'articolo 5, lettera a) dello Statuto. Alle tipologie già previste dal suddetto articolo vanno aggiunti i Ricercatori a Tempo Determinato nelle diverse fattispecie.

1.2 A completamento di quanto riportato nell'articolo 5, lettera b) dello Statuto, si precisa che i soci Affiliati comprendono due tipologie: 

(i) Socio affiliato junior: coloro che svolgono attività di studio e ricerca nel campo della psicologia, ma che non hanno un rapporto di lavoro strutturato con l'Università o con altri Enti o Istituzioni scientifiche. Rientrano in questa tipologia quanti abbiano conseguito o stiano conseguendo titoli di formazione post-lauream nel campo della psicologia, dottorande e dottorandi, persone che abbiano già conseguito il titolo di dottore di ricerca, persone con assegni di ricerca, borse o di rapporto di lavoro a termine finalizzato ad attività di ricerca.

(ii) Socio affiliato senior: psicologi che svolgono attività di tipo prevalentemente professionale, nella quale risulti riconoscibile una componente di studio e ricerca; i docenti universitari di ruolo non incardinati nei SSD M-PSI.

2. Adesione alle Sezioni

2.1 L’adesione ad una Sezione richiede che gli interessi di ricerca, le esperienze professionali e accademiche e la produzione scientifica del singolo socio siano coerenti con i contenuti e i temi rappresentati dalla Sezione stessa.

2.2 I soci Ordinari devono obbligatoriamente aderire ad almeno una Sezione, ma possono chiedere l’adesione a più Sezioni.

2.3 I soci Affiliati aderiscono solo ad una Sezione.

2.4 I soci Onorari sono membri d’ufficio di tutte le Sezioni. 

3. Quota associativa e diritto di voto

3.1 Le quote associative variano in funzione della tipologia di soci. L’ammontare delle quote associative è deliberato annualmente dal Consiglio Direttivo.

3.2 I soci Ordinari pagano una quota associativa che comprende l'iscrizione all'AIP e quella alla Sezione, o alle Sezioni, di afferenza. I soci Ordinari hanno diritto di voto attivo e passivo nell’Assemblea generale e nell’assemblea di Sezione.

3.3 I soci Ordinari in posizione di fuori ruolo presso il proprio Ente pagano una quota ridotta e votano nell'assemblea generale dei soci e della sezione di afferenza ma non sono eleggibili negli organi sociali.

3.4 I soci Affiliati pagano solo l’adesione alla Sezione e hanno diritto di voto attivo e passivo nell’assemblea della Sezione. L’ammontare della quota d’iscrizione è differenziato per soci Affiliati senior e soci Affiliati junior.

3.5 I soci Onorari non pagano la quota associativa e hanno diritto di voto attivo nell'assemblea generale dei soci e in tutte le assemblee di Sezione. 

4. Consiglio Direttivo

4.1 Il Consiglio Direttivo è l’organo decisionale dell’AIP e si riunisce in presenza almeno due volte all'anno.  

4.1.1 Il Consiglio Direttivo eletto è convocato dal Past President entro un mese dalla pubblicazione dei risultati delle elezioni e in quella sede procede con la nomina delle cariche previste dallo Statuto dell'associazione

4.1.2 Le convocazioni successive alla nomina del nuovo Presidente sono fissate dal Presidente medesimo, sentito il Consiglio direttivo, o su richiesta della maggioranza dei membri del Consiglio medesimo. 

4.2 Il Consiglio Direttivo può deliberare per via telematica. In questo caso il Presidente redige una sintesi delle deliberazioni, specificando contenuti ed esito della votazione, che ha valore di verbale ed è conservato nell’apposita cartella dei sito AIP.

4.2.1 Il Past President è invitato permanente alle riunioni (in presenza e telematiche) del Consiglio Direttivo senza diritto di voto e riceve tutte le comunicazioni inviate al Consiglio Direttivo. 

4.2.2 In caso di elezione al CUN di un docente o ricercatore afferente ad un settore M-PSI, il consigliere eletto è invitato permanente alle riunioni (in presenza e telematiche) del Consiglio Direttivo senza diritto di voto e riceve tutte le comunicazioni inviate al Consiglio Direttivo.

4.3 Il Consiglio Direttivo assegna tra i membri del Consiglio Direttivo e/o i soci ordinari specifici incarichi di responsabilità o di rappresentanza. 

4.3.1 All’inizio del mandato il Consiglio Direttivo nomina il responsabile del sito AIP.

4.3.2 Il Consiglio Direttivo nomina il responsabile delle Scuole di Metodologia. L’incarico è annuale e rinnovabile; alla fine di ogni anno il responsabile delle Scuole di Metodologia presenta una relazione consuntiva finale e il progetto per l’anno successivo.

4.3.3 Nel corso del suo mandato il Consiglio Direttivo ha facoltà di delegare ai soci il compito di organizzare eventi scientifici e formativi, di nominare rappresentanti in organismi e associazioni nazionali e internazionali e delegati nelle Consensus Conferences. 

4.4 Ove non altrimenti specificato, tutte le delibere degli Organi dell'Associazione sono prese sulla base della maggioranza assoluta dei votanti.

4.5 Il Consiglio Direttivo può assumere iniziative scientifiche di carattere generale che interessano tutti gli ambiti disciplinari.

5. Presidente e Vicepresidenti

5.1 Il Presidente rappresenta l'AIP nei rapporti con le istituzioni interne ed esterne alla Psicologia.

5.1.1 Il Presidente ha il dovere di informare costantemente il Consiglio Direttivo, trasmettendo le informazioni e diffondendo i materiali che acquisisce nello svolgere la sua funzione di rappresentante dell’Associazione.  

5.1.2 Il Presidente è il rappresentante legale dell’Associazione e firma tutti gli atti amministrativi e le convenzioni.

5.2 Il Presidente è nominato all’interno del Consiglio Direttivo mediante voto palese (o, se richiesto, voto segreto). Risulta eletto chi ottiene il sostegno della maggioranza dei consiglieri aventi diritto di voto. Si considera primariamente la disponibilità del consigliere risultato eletto con il maggior numero di voti. 

5.2.1 Una volta insediatosi, il Presidente procede con le proposte di nomina del Segretario, del Tesoriere e dei Vicepresidenti. Gli incarichi sono assegnati mediante voto palese (o, se richiesto, voto segreto) dalla maggioranza degli aventi diritto in seno al Consiglio Direttivo.

5.2.2 In caso di dimissioni del Presidente, egli è tenuto a notificare la propria decisione al Consiglio Direttivo mediante comunicazione scritta. 

5.2.3 Le dimissioni del Presidente determinano il decadimento delle altre cariche nominate in seno al Consiglio Direttivo (Vicepresidenti, Segretario, Tesoriere). Nelle more assumerà temporaneamente la presidenza il socio eletto in seno al Consiglio Direttivo con la maggiore anzianità accademica. Il suo incarico terminerà con la nomina del nuovo Presidente.

5.3 I Vice Presidenti affiancano e sostengono il Presidente nell'attività di gestione e coordinamento dell'associazione.

5.3.1 Ciascun Vice Presidente può sostituire il Presidente, in caso di assenza o impedimento, assumendo gli stessi poteri. La firma del Vice Presidente fa piena fede dell’assenza o impedimento del Presidente.

6. Segretario 

6.1 Il Segretario svolge un ruolo di supporto al Presidente e al Tesoriere. 

6.2 Il Segretario filtra le comunicazioni in entrata, rispondendo alle richieste dei soci o indirizzandole verso gli interlocutori di competenza. 

6.3 Il Segretario è altresì responsabile dell'invio della comunicazione verso l'esterno. Per tutte le comunicazioni istituzionali il Segretario usa la carta intestata dell'associazione.

6.4 Il Segretario redige e conserva i verbali dei Consigli Direttivi e delle Assemblee, e ne cura la pubblicazione sul sito dell'associazione.

6.4.1 I verbali sono analitici e riportano in modo sintetico e accurato le discussioni avvenute in seno al Consiglio Direttivo. Ogni consigliere può integrare il verbale proponendo una sintesi dei propri interventi.  

6.5 Il Segretario collabora con il Presidente nella redazione dell’ordine del giorno di riunioni e assemblee e provvede ad inviarlo ai soci con congruo anticipo.

6.6 In collaborazione con il Tesoriere, il Segretario tiene costantemente aggiornato l'elenco dei soci iscritti all'associazione.

7. Comitato Esecutivo delle Sezioni

7.1 Il Comitato Esecutivo di Sezione è formato da cinque membri, e dura in carica tre anni. Le persone che formano il Comitato Esecutivo sono elette dall'Assemblea dei soci di Sezione, nelle modalità previste dal Regolamento della Sezione, e non sono eleggibili per più di due mandati consecutivi. 

7.2 Il precedente Coordinatore della Sezione è invitato permanente alle riunioni (in presenza e telematiche) del Comitato Esecutivo senza diritto di voto e riceve tutte le comunicazioni inviate al Comitato Esecutivo. 

7.3 Il Comitato Esecutivo eletto è convocato dal Coordinatore uscente entro un mese dalla pubblicazione dei risultati delle elezioni e procedere con la nomina delle cariche previste dallo Statuto dell'associazione.

7.4 Le convocazioni successive alla nomina del nuovo Coordinatore sono fissate dal Coordinatore medesimo, sentito il Comitato Esecutivo, o su richiesta della maggioranza dei membri del Comitato medesimo.

7.5 Una volta insediatosi, il Comitato Esecutivo nomina al suo interno il Coordinatore, il Segretario e il Tesoriere; queste ultime due cariche possono essere assunte dalla stessa persona. Solo i soci Ordinari possono assumere la carica di Coordinatore e Tesoriere della Sezione. 

7.5.1 Il Coordinatore è nominato all’interno del Comitato Esecutivo mediante voto palese (o, se richiesto, voto segreto). Risulta eletto chi ottiene il sostegno della maggioranza dei consiglieri aventi diritto di voto Si considera primariamente la disponibilità del socio risultato eletto con il maggior numero di voti.

7.5.2 Il Tesoriere della Sezione agisce di concerto con il Tesoriere AIP ed è il responsabile amministrativo della Sezione.

7.5.3. Il segretario cura i verbali delle riunioni in presenza e via Skype ed è responsabile della loro pubblicazione sul sito.

7.6 Il Comitato Esecutivo può deliberare per via telematica.

8. Coordinatori di Sezione

8.1 I coordinatori di Sezione sono membri del Consiglio Direttivo con diritto di voto.

8.2 Il Coordinatore rappresenta la Sezione ed è responsabile della diffusione delle informazioni al suo interno; il suo compito consiste nel riportare nel Consiglio Direttivo il dibattito e le proposte che provengono dai soci della Sezione e, nello stesso tempo, riferire ai soci quanto discusso e deliberato all’interno del Consiglio Direttivo. 

8.3 Il Coordinatore garantisce e coordina le attività di natura scientifica e formativa di pertinenza delle Sezioni.

8.4 In caso di impossibilità del Coordinatore di Sezione a partecipare ad una riunione del Consiglio Direttivo, egli nomina in sua vece un membro del Comitato Esecutivo della Sezione, che partecipa ai lavori con diritto di voto solo se formalmente delegato dal Comitato Esecutivo. Nel caso di indisponibilità dei membri del Comitato Esecutivo, il Coordinatore provvede a nominare in sua vece un socio ordinario iscritto alla Sezione.

9. Attività delle Sezioni

9.1 L’attività delle Sezioni di sostegno e promozione della ricerca è disciplinata da specifico regolamento proposto dal Comitato Esecutivo e approvato dall’assemblea della Sezione.

9.2 Il Comitato Esecutivo della Sezione contribuisce alla gestione del sito AIP attraverso un costante servizio redazionale di aggiornamento delle iniziative della Sezione.

10. Costituzione di nuove Sezioni

10.1 Una nuova Sezione è istituita dal Consiglio Direttivo su propria iniziativa o su motivata istanza presentata da almeno 30 Soci ordinari.

10.2 Ogni nuova Sezione deve rappresentare aree di ricerca i cui contenuti teorici e metodologici corrispondono a quelli dei singoli settori scientifico-disciplinari, dei singoli settori concorsuali o loro aggregazioni.

11. Sito web AIP

11.1 L'AIP utilizza come forma di comunicazione privilegiata il sito www.aipass.org e ne incoraggia l'utilizzo da parte di tutti i soci. Il sito web costituisce uno strumento fondamentale per il funzionamento dell'associazione e fornisce servizi quali moduli per l'iscrizione all'associazione, per il pagamento annuale delle quote associative o per l'organizzazione e l'iscrizione a convegni; aree riservate alle singole Sezioni; invio informazioni tramite newsletter; annunci di eventi e iniziative scientifiche; forum di discussione; supporto al voto telematico; pagine riservate a gruppi di lavoro tematici; mailing list.

11.2 Il Consiglio Direttivo nomina il Responsabile del sito che, di concerto con il Presidente e il Segretario, si occupa della gestione operativa e della programmazione strategica del medesimo. Il Responsabile del sito è un socio Ordinario e può essere un membro del Consiglio Direttivo. Se non ne fa già parte, il Responsabile del sito è invitato permanente alle riunioni (in presenza e telematiche) del Consiglio Direttivo senza diritto di voto e riceve tutte le comunicazioni inviate al Consiglio Direttivo.

11.3 Il Segretario e Responsabile del sito, di concerto col Presidente, curano la redazione e l'invio ai soci di una newsletter periodica, contenete informazioni circa le attività politico-istituzionali e scientifiche che coinvolgono l'AIP.

11.4 Gli indirizzi di posta elettronica utilizzati per tutte le comunicazioni interne all'associazione sono quelli forniti dal socio al momento dell'iscrizione. I soci sono tenuti a fornire al momento dell'iscrizione un indirizzo di posta elettronica funzionante e a segnalare tempestivamente al Responsabile del sito o al Webmaster eventuali modifiche delle proprie credenziali di posta elettronica. Qualora ciò non avvenisse, il socio è da ritenersi unico responsabile delle mancate comunicazioni.

12. Comunicazione e diffusione delle informazioni all'interno dell'associazione

12.1 Le decisioni assunte dagli organi dirigenti dell'associazione (Consiglio Direttivo e Comitati Esecutivi delle Sezioni) nelle riunioni in presenza sono fedelmente riportate nei verbali, redatti dai rispettivi segretari e sottoposti ad approvazione nella riunione successiva dei medesimi organismi. I verbali, una volta approvati, sono consultabili sul sito dell'associazione e sono accessibili solo ai soci. Possono altresì essere richiesti al Segretario di competenza.

12.1.2 Le decisioni assunte per via telematica dal Consiglio Direttivo e dai Comitati Esecutivi delle Sezioni sono comunicate ai soci tramite l'invio di email, newsletter e messaggi tramite social networks.

12.1.2 I contenuti delle discussioni telematiche tra i membri degli organi direttivi dell'associazione hanno carattere riservato; i singoli messaggi non possono essere divulgati al di fuori della cerchia dei destinatari senza l'autorizzazione dei mittenti, in ottemperanza alle disposizioni del D.Lgs. 196/2003. Ogni violazione sarà segnalata alla Commissione Etica.

12.2 Per quanto concerne le comunicazioni tra i soci, il sito dell'associazione predispone specifiche pagine (forum) per la discussione e il confronto.

12.3 La segnalazione di iniziative ed eventi scientifici e formativi (quali premi, bandi, convegni, master, corsi di perfezionamento ecc.) è a cura dei soci in regola con la quota di iscrizione, che sono direttamente responsabili delle informazioni in essa contenute. Il sito web consente ai soci di avere accesso agli indirizzi email degli altri soci. Qualora un socio desiderasse essere escluso da tali indirizzari è tenuto a darne comunicazione scritta al Segretario e al Webmaster del sito.

12.4 Iniziative ed eventi scientifici e formativi possono essere divulgati tramite il sito AIP. In questo caso il giudizio sull'opportunità della pubblicazione è demandato alle singole Sezioni, le quali accertano preliminarmente l'interesse e la validità dell'iniziativa proposta. Il socio che voglia usare il sito per diffondere un annuncio deve inviare una richiesta al Coordinatore della Sezione a cui è affiliato, il quale, d'intesa con il Comitato Esecutivo e secondo le modalità che ciascuna Sezione avrà stabilito, autorizzerà la pubblicazione della notizia sul sito da parte del Webmaster. La notizia potrà essere inserita nella pagina della Sezione e/o nella homepage del sito, a seconda delle caratteristiche dell'evento/iniziativa.

13. Comunicazione e diffusione delle informazioni verso l'esterno

13.1 La comunicazione verso l'esterno (media, interlocutori istituzionali, enti pubblici e privati, aziende, ecc.) è prerogativa del Consiglio Direttivo e del Presidente, che hanno facoltà di divulgare documenti e comunicati pubblici su temi di rilevanza scientifica, culturale e politica. Tali iniziative possono essere suggerite, ideate e proposte dai soci o dalle Sezioni, ma è tuttavia necessario che siano approvate dal Consiglio Direttivo e divulgate a nome di tutta l'AIP.

13.1.1. I membri del Consiglio Direttivo possono parlare a nome dell'AIP solo se espressamente delegati dal Presidente o dal Consiglio Direttivo.

13.2 I documenti prodotti dalle singole Sezioni possono circolare solo internamente all'AIP.

14. Gestione amministrativa

14.1 Il Consiglio Direttivo è tenuto a predisporre il rendiconto annuale, sotto forma di bilancio consuntivo dell'attività associativa nell'anno solare precedente. Il Tesoriere, almeno quindici giorni prima della data prevista per l'Assemblea Ordinaria, cura la trasmissione del rendiconto e della relativa documentazione al Collegio dei Revisori dei Conti e l'acquisizione del conseguente parere. Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti fa parte integrante della relazione sul bilancio sottoposta all'Assemblea Generale Ordinaria. Il Consiglio Direttivo è tenuto altresì a predisporre il bilancio preventivo, da sottoporre all'approvazione dell'Assemblea generale ordinaria.

14.2 Il Tesoriere raccoglie i bilanci delle Sezioni e distribuisce ad esse la quota annuale così come fissata dal Consiglio Direttivo.

14.3 Il Tesoriere mantiene i rapporti con il commercialista e l’Istituto Bancario di riferimento. La nomina del commercialista e la scelta dell’Istituto Bancario sono deliberate dal Consiglio Direttivo.

14.4 Ogni anno, sulla base delle iscrizioni per l’anno in corso e delle quote recuperate relative agli anni precedenti, il Tesoriere propone al Consiglio Direttivo la ripartizione della dotazione alle sezioni tenendo conto del numero degli iscritti in regola e della tipologia dei soci afferenti, detratte le spese di riscossione e le spese vincolate. 

14.5 Su proposta del Tesoriere, le quote possono essere accreditate alle sezioni in due tranches, la prima come anticipo entro il mese di luglio e la seconda come saldo entro il mese di dicembre di ogni anno.  

14.6 Per la determinazione della dotazione da assegnare alle sezioni a partire dalle quote sociali individuali devono essere rispettati i seguenti vincoli: per ogni quota di socio ordinario non meno del 30%, per ogni quota di socio affiliato non meno del 45%, per ogni quota recuperata non meno del 70%, per ogni quota seconda sezione non meno del 75%.

14.7 I soci possono anticipare il pagamento della quota per l'anno successivo; in questo caso non saranno applicati gli aumenti della quota eventualmente stabiliti dal Consiglio Direttivo.

15. Collegio dei Revisori dei Conti

15.1 A completamento di quanto riportato nell'articolo 13 dello Statuto, il Collegio dei Revisori dei Conti esplica la seguenti funzioni: controlla la gestione contabile-amministrativa dell'associazione; vigila sul rispetto dei principi di corretta amministrazione; propone azioni di miglioramento per la gestione contabile-amministrativa dell'associazione; esprime un parere sulla proposta di bilancio consuntivo e preventivo annuale dell'associazione, redigendo un'apposita relazione, che accompagna la proposta di deliberazione dell'assemblea generale.

15.2 I membri del Collegio dei Revisori dei Conti sono rieleggibili una sola volta.

16. Commissione Etica e Codice Etico

16.1 A completamento di quanto riportato nell'articolo 12 dello Statuto e nel Codice Etico per la Ricerca in Psicologia, si specifica che la Commissione Etica esplica le seguenti funzioni: (a) propone raccomandazioni sui comportamenti e le prassi da adottare nelle attività di ricerca, rispondendo anche a specifiche richieste dei singoli soci; (b) gestisce la pagina del sito AIP sui temi etici nella ricerca psicologica e l’aggiorna inserendo materiale di discussione, riferimenti bibliografici, annunci di congressi e corsi, resoconti sull’attività della Commissione Etica; (c) organizza eventi formativi (seminari e scuole) e di confronto (tavole rotonde e convegni); (d) produce documenti di consultazione; (e) svolge attività di supporto e consulenza nella compilazione dei progetti di ricerca.

16.1.1 In caso di segnalazione di violazione della riservatezza nella comunicazione telematica all’interno degli organi direttivi, come previsto dal comma 12.1.2 del presente Regolamento, la Commissione Etica può attivare una procedura di contestazione e proporre al Consiglio Direttivo un provvedimento sanzionatorio.

16.2 La Commissione Etica, all’atto di insediamento, nomina al proprio interno il Coordinatore che ha la funzione di dettare l'agenda dei lavori di concerto con il Consiglio Direttivo, e di coordinare le attività della commissione. 

16.2.1 La nomina del Coordinatore richiede il voto della maggioranza degli aventi diritto.

16.3 Il Coordinatore della Commissione Etica è invitato permanente alle riunioni (in presenza e telematiche) del Consiglio Direttivo senza diritto di voto e riceve tutte le comunicazioni inviate al Consiglio Direttivo. 

16.4 I membri della Commissione Etica sono rieleggibili una sola volta. 

16.5 Il Codice Etico della Ricerca e dell'Insegnamento in Psicologia dell'AIP è parte integrante del presente Regolamento.

17. Convocazione dell'Assemblea Ordinaria Generale

17.1 L'Assemblea Ordinaria Generale è convocata mediante comunicazione scritta a mezzo posta elettronica, che dovrà pervenire ai Soci con un anticipo minimo di 30 giorni. L'Assemblea è convocata almeno una volta l'anno, di norma entro i primi cinque mesi dell’anno.

17.2 Il testo della comunicazione dovrà contenere il luogo e l'orario della prima e della seconda convocazione, l'ordine del giorno con indicazione esplicita dei punti su cui l'Assemblea deve votare nel corso della seduta, l'orario previsto per la conclusione dei lavori.

17.3 Ai fini del calcolo del numero legale necessario alle delibere dell'Assemblea generale, ciascun socio (delegato) potrà rappresentare fino a due soci assenti (deleganti), purché in possesso dei moduli di delega previsti dall'AIP adeguatamente compilati in ogni loro parte. E' altresì condizione necessaria che delegato e deleganti siano in regola col pagamento delle quote associative dell'anno in essere. In caso contrario la delega non sarà computata ai fini della regolare costituzione dell'assemblea e il socio non potrà esercitare il diritto di voto.

18. Assemblea delle Sezioni

18.1 L'Assemblea delle Sezioni è costituita dai soci Ordinari, Onorari e Affiliati, afferenti alla Sezione. Tutte le tipologie di soci hanno diritto di voto passivo, purché in regola con il versamento della quota associativa. 

18.2 L'Assemblea di Sezione è convocata dal Coordinatore della Sezione almeno una volta l'anno, d'accordo con il Comitato Esecutivo, preferibilmente durante il Congresso annuale della Sezione.

18.2.1 Le specifiche modalità di convocazione dell'Assemblea sono illustrate nel Regolamento di Sezione.

18.3 I compiti dell'Assemblea di Sezione sono: esprimere parere sul bilancio consuntivo e preventivo della Sezione; programmare le attività scientifiche da svolgere durante l'anno; proporre e discutere future iniziative scientifiche; discutere le linee politiche della Sezione su tematiche di rilevante interesse comune; discutere tematiche di carattere generale e proporre documenti o iniziative al Consiglio Direttivo.

19. Concessione patrocini e contributi

19.1 I patrocini e i contributi per le iniziative a carattere scientifico sono concessi dalle singole Sezioni. I soci devono richiedere il patrocinio al Coordinatore della Sezione di riferimento, che sottoporrà la richiesta al Comitato Esecutivo per la delibera. La procedura è disciplinata dai regolamenti delle singole Sezioni.

19.2 Il patrocinio è concesso a nome di tutta l'AIP e, pertanto, i responsabili dell’iniziativa patrocinata si impegnano a usare il logo dell'associazione senza riferimenti alla singola Sezione.

19.3 Per la concessione del patrocinio è necessario che la richiesta sia avanzata da un Socio e che nel Comitato organizzativo o scientifico dell'evento vi sia la presenza di almeno un Socio Ordinario in regola con il pagamento della quota associativa. Ulteriori restrizioni possono essere introdotte nei regolamenti delle singole Sezioni.

20. Partecipazione a organismi/network/associazioni nazionali e internazionali

20.1 L’adesione a network e associazioni nazionali e internazionali è sempre a nome dell'intera associazione, anche se, in caso di organismi che si occupano di temi specifici, il Consiglio Direttivo può delegare una Sezione (tramite il suo Coordinatore) per le procedure di affiliazione e al fine di gestire la collaborazione e le attività connesse.

21. Procedura per l'iscrizione all'AIP

21.1 L’affiliazione all'AIP avviene previa presentazione di apposita domanda da parte del diretto interessato. La domanda deve essere presentata al Coordinatore della Sezione attraverso cui si intende aderire all'associazione (art. 11 dello Statuto). La domanda può essere inviata per via cartacea o telematica e deve indicare la tipologia di affiliazione richiesta (Socio Ordinario, Socio Affiliato Junior, Socio Affiliato Senior).

21.2 Il Coordinatore della Sezione, di concerto con il Comitato Esecutivo della medesima, verifica la sussistenza dei requisiti, di cui all'articolo 5 dello Statuto e all'articolo 1 del presente Regolamento. La verifica dei requisiti necessari deve avere luogo entro quindici giorni dalla presentazione della domanda di affiliazione. Spetta al Coordinatore della Sezione comunicare all'aspirante socio l'esito della richiesta di affiliazione.

21.3 Una volta acquisita l'affiliazione, la quota associativa è versata al Tesoriere secondo le modalità indicate sul sito dell'AIP. Il socio è tenuto a pagare la quota associativa entro 60 giorni dalla comunicazione di accoglimento della domanda, pena la sua decadenza. 

21.4 I Soci morosi non hanno diritto di voto nell'Assemblea e negli altri Organi societari. A inizio d'anno il Tesoriere è tenuto ad inviare un sollecito ai Soci morosi.

22. Decadenza dalla qualifica di Socio

22.1 La decadenza di un Socio per morosità diventa esecutiva al termine del secondo anno solare consecutivo per il quale non sono state versate le relative quote associative. 

22.1.1 I soci decaduti possono iscriversi nuovamente all'AIP solo dopo avere saldato i corrispettivi dovuti, pari alle quote associative annuali non corrisposte. 

22.1.2 E' facoltà del Consiglio Direttivo deliberare dei piani di rientro straordinari per i soci morosi. 

22.2. Il socio che intenda dimettersi è tenuto a notificare la propria decisione al Presidente dell'AIP mediante comunicazione scritta (lettera, raccomandata, posta elettronica). La comunicazione va inviata per conoscenza anche al Segretario. Il Presidente ne dà comunicazione al Consiglio Direttivo. Il Presidente può rendere le dimissioni immediatamente esecutive. Le dimissioni non contemplano la restituzione, totale o parziale, delle quote associative né rimuovono l'eventuale obbligo del dimissionario, se moroso, al versamento delle quote associative riferite agli anni di appartenenza all'Associazione.

22.3 A completamento di quanto riportato nell'articolo 6 dello Statuto, si precisa che la proposta di decadenza per radiazione, controfirmata da almeno tre membri del Consiglio Direttivo, viene messa ai voti nella prima riunione del Consiglio Direttivo successiva alla notifica al Presidente. La radiazione è deliberata con la maggioranza qualificata dei 2/3 e resa nota all'interessato, che può opporsi e produrre eventuale documentazione a sostegno del suo diritto di appartenenza all'Associazione. Qualora il Consiglio Direttivo valuti insufficiente tale documentazione, il Presidente provvede a rendere esecutiva la delibera di radiazione.

23. Elezione alle Cariche Sociali: procedure elettorali

23.1 Sei mesi prima dello scadere del mandato, il Presidente bandisce le nuove elezioni e, di concerto con il Consiglio Direttivo fissa le tempistiche e le modalità con cui esse si svolgeranno. Le elezioni alle cariche sociali possono avere luogo tramite voto telematico, voto postale o nel corso di un'Assemblea Generale.

23.2 Entro trenta giorni dall’indizione delle elezioni, il Consiglio Direttivo nomina la Commissione Elettorale, costituita da tre soci ordinari che rinunciano formalmente a candidarsi o hanno terminato il secondo mandato, indicando chi svolge la funzione di Presidente e Segretario.

23.3 Le candidature sono inviate per iscritto (mail, raccomandata) al Segretario della Commissione Elettorale secondo le modalità e le tempistiche di cui al punto 23.1, e comunque almeno 30 giorni prima della data delle elezioni. Il Segretario provvederà alla loro pubblicazione e divulgazione attraverso i canali comunicativi utilizzati dall'associazione. Resta inteso che è possibile da parte dei soci presentare pubblicamente le candidature per le cariche sociali, purché nel rispetto delle tempistiche e delle modalità di cui al punto 23.1.

23.4 Risultano eletti membri del Consiglio Direttivo gli undici Soci che hanno ottenuto il maggior numero di voti (per la composizione del Consiglio Direttivo si rimanda all'articolo 9 dello Statuto). Risultano eletti Revisori dei Conti i tre Soci che hanno ottenuto il maggior numero di voti, mentre i due che seguono sono eletti come supplenti.

23.5 Nel caso di parità di voti fra gli eletti all'ultimo posto per il Consiglio Direttivo o per il Collegio dei Revisori è eletto colui che ricopre la qualifica di socio dal maggior numero di anni. Nel caso vi sia eguale anzianità di associazione, risulta eletto il socio più anziano di età.

23.6 La carica di membro del Consiglio Direttivo è incompatibile con quella di membro del Collegio dei Revisori; un socio eventualmente eletto ad entrambe le cariche dovrà optare per una delle due.

23.7 Ogni Socio ordinario è eleggibile per la carica di consigliere o di revisore dei conti. 

23.8 Tra i componenti del Consiglio Direttivo deve risultare eletto almeno un membro di ciascuna delle seguenti categorie: professori universitari ordinari e associati, ricercatori universitari a tempo indeterminato o a tempo determinato, ricercatori del C.N.R. (ovverosia le tipologie di soci ordinari specificati nell' art. 5 dello Statuto).

23.8.1 Scaduti i termini per la presentazione delle candidature e verificata l'eventuale mancanza di membri di categorie indicate nel comma precedente, il Consiglio Direttivo potrà deliberare una proroga di 15 giorni per registrare ulteriori candidature;

23.9 Il ricercatore eletto che dovesse cambiare posizione accademica in seguito ad avanzamento di carriera decade dal ruolo di consigliere qualora si verifichino contemporaneamente le seguenti condizioni: (i) il consigliere è l’unico rappresentante in seno al Consiglio Direttivo della categoria dei ricercatori; (ii) il consigliere è componente del Consiglio Direttivo perché ripescato o perché ultimo degli eletti per numero di preferenze. Il consigliere decaduto è sostituito dal primo ricercatore tra i candidati non eletti. Nel caso l’unico ricercatore eletto non fosse l’ultimo per numero di preferenze ottenute, a decadere è il consigliere eletto con il minor numero di preferenze. Se anche questo è l’unico rappresentate della sua categoria, decade il socio che si è collocato al penultimo posto per numero di preferenze. Nel caso il Consiglio Direttivo includa più ricercatori, la promozione accademica del singolo consigliere non comporta la decadenza. 

23.9.1 Il ricercatore a tempo determinato decade automaticamente dal ruolo di consigliere al termine del suo contratto ed è sostituito secondo le modalità descritte nel comma precedente.

23.10 Ogni scheda di elezione al Consiglio Direttivo, per essere valida, non dovrà contenere un numero di preferenze superiore alla metà più uno dei membri eleggibili (sei preferenze al massimo). Ogni scheda di elezione alla carica di Revisore dei Conti non dovrà contenere più di due preferenze.

23.11 Le modalità per l’elezione delle cariche sociali sono stabilite dal Consiglio Direttivo. Indipendentemente dalla procedura adottata, le procedure devono essere trasparenti, affidabili e garantire l'anonimato del voto. Il Consiglio Direttivo è garante e responsabile delle procedure di voto.

23.12 In caso di elezione per via telematica ad ogni socio avente diritto di voto, e in regola con il pagamento della quota sociale, sarà inviata una e-mail contenente tutte le informazioni necessarie al corretto espletamento del voto elettronico. L'e-mail indicherà userid e password, utilizzabili una sola volta, che consentiranno loro di votare in forma anonima. 

23.12.1 In caso di votazioni per il rinnovo dei Comitati Esecutivi di Sezione, il sistema informatizzato di voto consentirà l’accesso alla scheda elettorale della sezione alla quale il socio è iscritto, o a più schede nel caso di iscrizioni multiple.

23.12.2 Eventuali difficoltà o problematiche nell'espletare il voto dovranno essere immediatamente segnalate al Segretario, al Responsabile del sito e al Webmaster, che provvederanno a risolverle. 

23.12.3 Alla scadenza delle operazioni di voto, la Commissione Elettorale si riunisce presso la sede del Webmaster per scaricare i risultati e redigere la relazione finale. 

23.13 In caso di votazione a mezzo posta, ad ogni socio avente diritto di voto, e in regola con il pagamento della quota sociale, sarà recapitata presso l’indirizzo indicato al momento dell’iscrizione la scheda su cui votare insieme a tutte le informazioni utili per l’espletamento del voto. La procedura prevede che vengano inviate a ciascun socio avente diritto tre buste di grandezza diversa. La busta più piccola contiene un foglio dove ciascun votante dovrà indicare il proprio nome e cognome. La busta di dimensioni intermedie contiene la scheda elettorale su cui ciascun elettore dovrà esprimere le preferenze di voto in modo anonimo e senza aggiungere segni che possano portare all’identificazione. Le due buste sigillate dovranno essere inserite nella busta più grande, già provvista di francobollo e con l'indirizzo prestampato, che sarà inviata al Segretario AIP. 

23.13.1 Il Segretario dell'AIP conserva le schede di voto senza aprirle fino al giorno di chiusura delle votazioni, in cui le consegna ai membri della Commissione Elettorale.

23.13.2 La Commissione Elettorale effettuerà la procedura di spoglio all’inizio aprendo la busta piccola contenente il nominativo del votante, al fine di verificare se sussistono le prerogative per potere votare, di cui all'articolo 5 dello Statuto e all'articolo 3 del Regolamento. In caso negativo, la busta contenente la scheda di voto non viene aperta e viene accantonata. Solo dopo aver controllato il numero e l’identità dei votanti procede aprendo la busta contenente le preferenze di voto. 

23.13.3 Nel caso la busta contenente il nominativo del votante risultasse non compilata, illeggibile, o non sigillata, la busta contenente il voto espresso non sarà scrutinata.

23.13.4 Nel caso in cui la busta contenente la scheda con il voto espresso risultasse non sigillata, il voto è dichiarato nullo.

24. Elezione dei Comitati Esecutivi delle Sezioni

24.1 Il rinnovo delle cariche elettive di tutte le Sezioni avviene si svolge contemporaneamente e con le stesse modalità. Le tempistiche e le scadenze elettorali sono fissate e coordinate dal Consiglio Direttivo.  

24.2 Il Presidente, di concerto con il Consiglio Direttivo, nomina una Commissione Elettorale. Di tale commissione non potranno far parte i soci candidati ai Comitati Esecutivi di Sezione.

24.2.1 La Commissione Elettorale è costituita da un socio ordinario in rappresentanza di ciascuna Sezione. Al suo interno la commissione individua un Presidente e un Segretario.

24.3 La Commissione elettorale espleta la procedura di spoglio e il computo dei voti (postali o elettronici) e stila un verbale degli esiti delle elezioni di ciascuna Sezione.

25. Dimissioni dagli Organi societari

25.1 Se un Socio eletto nel Consiglio Direttivo, nel Collegio dei Revisori dei Conti, nella Commissione Etica o nel Comitato Esecutivo di una Sezione rassegna le dimissioni, subentra automaticamente il primo dei non eletti nella corrispondente lista di candidati. Una volta esaurita la lista dei non eletti si procede a elezione suppletiva. Il Socio eletto a sostituire il Socio dimissionario rimane in carica per il periodo mancante alla conclusione del mandato dell’intero organo societario ed è rieleggibile una volta sola. 

25.2 Qualora il membro dimissionario sia l'unico eletto nel Consiglio delle categorie previste dal precedente art. 23.7, esso viene sostituito dal primo dei non eletti appartenente alla medesima categoria. Qualora nessun membro della stessa categoria risulti presente nella lista dei non eletti, il membro dimissionario non viene sostituito.

25.3 Se il Consiglio Direttivo scende sotto il numero di nove membri eletti, o il Collegio dei Revisori dei Conti scende sotto il numero di tre membri (compresi i membri supplenti), il Presidente è tenuto a convocare nuove elezioni entro un mese per rinnovare le cariche sociali.

26. Incompatibilità fra cariche elettive

26.1 Al fine di garantire la massima rappresentanza dei soci negli organismi di governo dell'associazione, è incompatibile rivestire più cariche elettive contemporaneamente (Consiglio Direttivo, Comitati Esecutivi, Collegio dei Revisori dei Conti e Commissione Etica). Nel caso un Socio risultasse al contempo eletto in due organismi, è immediatamente tenuto a scegliere quello a cui intende partecipare e darne comunicazione per iscritto al Presidente e al Segretario. Nella carica lasciata vacante subentra il primo candidato non eletto.

27. Rimborso spese missioni

27.1 I membri facenti parte del Consiglio Direttivo hanno diritto al rimborso delle spese di viaggio e di soggiorno per quelle missioni in cui, in ragione del loro mandato, svolgono attività direttamente e rigorosamente connesse all’esercizio del mandato e delle funzioni esercitate per la quale sono stati eletti/nominati, ivi compresa la partecipazione a seminari di studi, congressi, convegni e riunioni in genere, aventi attinenza con l’attività istituzionale dell’AIP. Costituisce, altresì, missione direttamente connessa all’esercizio del mandato e delle funzioni esercitate, la partecipazione dei membri del Consiglio Direttivo quali rappresentanti dell'AIP alle riunioni degli organi di associazioni nazionali e internazionali. 

27.1.1 Il rimborso dei membri eletti è a carico delle spese gestionali del bilancio AIP mentre il rimborso dei Coordinatori delle Sezioni è a carico delle quote di bilancio assegnate alle Sezioni. 

27.2 L’uso del mezzo aereo è consentito qualora sia l’unico mezzo utilizzabile per raggiungere il luogo di missione ovvero, quando vi siano più mezzi alternativi, se la sua utilizzazione è giustificata dalla necessità di raggiungere rapidamente il luogo di missione.

27.2.1 L’uso dell’autovettura di proprietà è consentito e dà diritto all’indennità chilometrica pari ad 1/5 del costo della benzina per ogni chilometro percorso dalla sede di servizio alla sede di missione. Sono altresì rimborsabili le spese per i pedaggi autostradali se debitamente documentate. 

27.2.2 L’uso del servizio taxi è consentito solo nei casi di comprovata necessità, ove non sia possibile, per esigenze di rapidità, utilizzare i mezzi di trasporto di linea urbana ed extraurbana, riconoscendosi il rimborso della relativa spesa su presentazione di apposita documentazione. 

27.3 I membri facenti parte della Commissione Etica hanno diritto al rimborso delle spese di viaggio e di soggiorno per quelle missioni in cui, in ragione del loro mandato, svolgono attività direttamente e rigorosamente connesse all’esercizio del mandato e delle funzioni esercitate per la quale sono stati eletti. 

27.3.1 Il rimborso delle spese sostenute dai membri della Commissione Etica è a carico del bilancio AIP. 

27.4 Le spese per partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo sostenute dal Consigliere CUN eletto tra i docenti e ricercatori M-PSI sono a carico del bilancio AIP. 

27.5 Per la liquidazione delle missioni di cui ai commi 25.1 26.3 e 25.4, purché in ottemperanza a quanto previsto dall'articolo 26.b, i soggetti aventi titolo dovranno produrre idonea documentazione delle spese effettivamente sostenute, inviandola al Tesoriere entro 30 giorni. La liquidazione del rimborso delle spese è effettuata dal Tesoriere, su richiesta dell’interessato, mediante bonifico bancario entro e non oltre 30 giorni dal ricevimento della documentazione. Le spese non documentate non daranno diritto ad alcun rimborso. 

28. Festività religiose

28.1 Nello svolgimento delle attività scientifiche e istituzionali dell'associazione si devono rispettare le festività religiose, come previsto dalle intese dello Stato con le confessioni religiose (http://www.governo.it/Presidenza/USRI/confessioni/intese_indice.html).