Torna alla Home del Gruppo Tematico

Cosa sono i programmi basati sulle Evidenze-EBI

Nella letteratura scientifica si parla di programmi Evidence-Based (EBP o EBI), ossia programmi basati sull’evidenza scientifica, per segnalare quei programmi sottoposti a valutazione di efficacia rigorosa.
Si tratta di un approccio alla progettazione e alla sperimentazione che è volto a capire cosa di un modello di intervento funziona, cosa non funziona, per chi, e sulla base di quali fattori o variabili. L’obiettivo è costruire e fondare le pratiche di intervento su percorsi accreditati e di comprovata efficacia.
Gli interventi basati sull’evidenza scientifica sono parte di una più vasta area di ricerca, definita psicologia traslazionale, in cui aspetti teorici ed operativi si intrecciano per comprendere i problemi dei bambini, degli adolescenti e degli adulti e avere indicazioni di interventi efficaci integrando, anziché contrapporre, ricerca di base e ricerca applicata (Guerra, Graham e Tolan, 2011; Menesini e Pinto, 2013).
I grandi organismi internazionali, come l’Unione Europea-UE e l'Organizzazione Mondiale della Sanità-OMS,  sollecitano oggi la necessità di investire su programmi di intervento validati e di comprovata efficacia volti a promuovere un adeguato supporto a genitori, famiglie, scuole, bambini e adolescenti, nonché persone affette da diversi tipi di disabilità, fisica o mentale. In ambito clinico, gli stessi organismi internazionali chiedono che gli interventi terapeutici e riabilitativi con soggetti affetti da un disturbo mentale dimostrino una comprovata efficacia basata sulla sperimentazione, al fine di potere essere inseriti nelle linee-guida dei trattamenti sanitari.

La Society for Prevention Science (SPR)  (Flay et al. 2005;  Gottfredson et al. 2014) ha posto una prima distinzione tra tre livelli di sperimentazione e di valutazione degli interventi:

  1. il livello dell’efficacia, che si riferisce agli effetti benefici di un intervento in condizioni ottimali di realizzazione, cioè in condizioni sperimentali con un grado elevato di controllo da parte degli sperimentatori;
  2. il livello di valutazione dell’efficienza in cui si verifica che l’intervento sia proficuo nel “mondo reale”, cioè in un contesto diverso dal laboratorio  in cui sono attivi molteplici fattori di influenza legati alla specifica realtà sociale;
  3. il livello  di implementazione del progetto su larga scala che comporta la standardizzazione del modello e la fornitura di tutti i materiali e i servizi necessari tra cui il  manuale, la formazione del personale e possibili  supporti tecnici.

Questa associazione ha redatto alcune linee guida per l'identificazione di programmi di prevenzione di qualità, per la loro realizzazione, eventuale replica e diffusione.
Gli standard di valutazione di un progetto o di un programma stabiliscono che un intervento sia da considerarsi efficace (efficacy)  ed efficiente (effectiveness) se risponde ad alcuni criteri,  tra cui:

  1. presentare almeno due esperimenti rigorosi che coinvolgono campioni diversi definiti a partire da una popolazione di riferimento;
  2. adottare  misure di valutazione quantitative, con buone caratteristiche psicometriche;
  3. analizzare i dati in modo rigoroso;
  4. mostrare  effetti positivi, consistenti e  senza effetti collaterali di tipo negativo;
  5. riportare  almeno un follow up significativo con effetti che perdurano nel tempo;
  6. infine essere corredati da un manuale d'uso con indicazioni per un possibile trasferimento del modello adottato in altri contesti.

Tali standard di valutazione sono applicati anche agli interventi clinici e terapeutici dalla fine degli anni 90 (Chambless & Hollock, 2001). Dagli anni 2000 si è poi favorito lo sviluppo di una metodologia incentrata sui principi dell’ evidence-based practice dell’American Psychological Association (2006), che tengono conto delle particolari condizioni in cui avviene la sperimentazione volta a dimostrare l’efficacia di un intervento clinico, non sovrapponibile in toto a quanto avviene nella sperimentazione farmacologica (Westen & Thompson-Brenner, 2004).

Torna ad inizio pagina