COVID-19 e benessere psicologico delle persone trans* in Italia: criticità e vissuti personali nell'emergenza

05 Maggio 2020 COVID-19, survey,
La pandemia Covid-19 rappresenta un rischio non solo per la salute fisica ma anche per il benessere psicologico di tutta la popolazione. La situazione straordinaria e le conseguenti restrizioni arrecano ulteriori preoccupazioni alle persone che impegnate in percorsi di trattamento presso i servizi specialistici sanitari come, nello specifico, le persone transgender o di genere non conforme (d’ora in poi “trans*”). In questa situazione, infatti, le persone trans* potrebbero incontrare particolari difficoltà relative all’accesso ai servizi e alla continuità dei percorsi di transizione. L’Unità di Ricerca sullo Sviluppo dell’Identità di Genere (URSIG) del Dipartimento di Psicologia dinamica e clinica della Sapienza Università di Roma, diretta da Anna Maria Speranza e Vittorio Lingiardi, ha avviato una ricerca per monitorare il benessere psicologico delle persone trans* in questa situazione critica. L’obiettivo è indagare, attraverso la compilazione di un questionario online anonimo, le modalità con cui le persone trans* affrontano lo stress del momento, cercando di individuare eventuali fattori di rischio che possono comportare un impatto negativo sul loro benessere psicologico e in generale la loro salute.
 
 
La ricerca, rivolta a tutta la popolazione trans* italiana, è condotta in collaborazione con il Policlinico Umberto I di Roma e il Servizio di Adeguamento tra l’Identità Fisica e Psichica (SAIFIP) dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma.
Grazie a chi vuole aiutarci a diffondere il questionario attraverso i suoi canali.
 
Vittorio Lingiardi, Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica, Sapienza Università di Roma
Anna Maria Speranza, Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica, Sapienza Università di Roma