Revisione Statuto e Regolamento AIP Forum

Cari soci e socie
Abbiamo avviato da circa un mese il forum per la discussione delle proposte di revisione dello statuto e regolamento e raccolto i primi nove interventi dei soci.
 
Ne sintetizzo i punti principali come traccia per la memoria condivisa su questo importante momento di partecipazione sui nostri strumenti di organizzazione della vita associativa e come incentivo per tutti coloro che stanno seguendo e non hanno ancora preso parte attiva al dibattito
  1. Validità assemblea e % di presenza dei soci
Per la maggioranza degli attuali partecipanti abbassare ulteriormente la soglia della percentuale di partecipazione per la validità dell’assemblea annuale dei soci non è un buon segnale per la vitalità dell’associazione; in molti auspicano piuttosto di implementare una procedura di delega online che renda anche la partecipazione a distanza più significativa
  1. Composizione e numerosità del Consiglio Direttivo
Su questo punto il dibattito è più variegato ed aperto e beneficerà di ulteriori contributi per arrivare a piena “maturazione”.
Alcuni soci (Ceccato, Cuzzocrea, Cacciamani, Sarrica, Gilli, Marchetti e Zanobini) sottolineano come la numerosità attuale non abbia dimostrato scarsa efficienza o agilità  e quindi propongono di non alterarla con cambiamenti nella riduzione del numero dei componenti il CD (attualmente 16). Gli stessi soci segnalano il rischio di perdere potere di confronto/democraticità riducendo il numero dei componenti il CD.
Un altro intervento propone una riflessione più che sulla numerosità del CD, sul carattere del modello organizzativo di fatto in essere: federativo con funzionamento e dibattito centrale delle diverse Sezioni vs. un modello misto tra federativo e centrale (Depolo) come criterio per orientare la scelta sulla logica di funzionamento della nostra associazione. In questo caso la composizione del CD ottimale non sarebbe tanto un problema di numerosità ma di efficienza della logica associativa; se federativa ossia se contano di più le sezioni e il loro dibattito/funzionamento, la soluzione b di riduzione della numerosità sembra la soluzione ottimale altrimenti anche la a) potrebbe rimanere la soluzione più efficace.
Un articolato intervento di Fraccaroli, tra i promotori della proposta di revisione di questo punto insieme a Vecchi e Vezzali, spiega le ragioni che li hanno portati a ritenere più funzionale modificare struttura e funzioni del Direttivo al fine di dare ad ogni componente un chiaro e ben definito ruolo istituzionale, compiti da assolvere e progetti da avviare e seguire.
  1. Modifica modalità di elezione del presidente e dei coordinatori.
Anche su questo punto le opinioni sono diverse e solo in parte convergenti. I punti interessanti sottolineati sono sui benefici/rischi dell’elezione diretta della Presidenza AIP (cui quasi tutti riterrebbero di associare anche quella dei coordinatori delle Sezioni).
 Si confrontano sostanzialmente due posizioni, di cui la prima vede principalmente il beneficio di una maggiore chiarezza e forza del ruolo, nonché di un minor rischio di ambiguità e di potenziali situazioni conflittuali; la seconda sottolinea il rischio di un eccessivo accentramento e personalizzazione delle funzioni di rappresentanza del Presidente o del Coordinatore.
Contribuire su questo punto è ancora essenziale, grazie per quanti di voi troverà il tempo e la motivazione per farlo!
  1. Costituzione di nuova sezione e numerosità minima
Su quest’ultimo punto le opinioni invece convergono sulla proposta di incrementare il numero di soci minimo per costituire una nuova Sezione (45 è il numero proposto).
 
 
Grazie a tutti coloro che hanno avviato il dibattito e un caldo invito a tutti noi per svilupparlo ancora con il più ampio contributo  che le nostre fitte giornate di lavoro ci riservano!
 
Un cordiale saluto
 
Lavinia Barone
Coordinatrice del forum